IL TUO CARRELLO
 Articoli inseriti: 0
 Spesa prodotti : 0,00
Visualizza il contenuto del carrello
HOME PAGE   |    CHI SIAMO   |    DOVE SIAMO   |    PARTNERS   |    RICETTE   |    RUBRICHE   |    NEWS E EVENTI   |    NEWSLETTER - SMS   |    LINKS   |    CONTATTI
Cerca prodotto:  
INFO ACQUISTI E PAGAMENTI
   .: Spedizioni
   .: Sicurezza
   .: Pagamenti
AREA UTENTI
PRODOTTI DEL SALENTO
Prodotti tipici - Arte
   .: Caraffe
   .: Tamburelli
   .: Tazze
   .: Oliere
   .: Piatti
   .: Cartapesta
   .: Quadri
Prodotti tipici - Gusto
   .: Vino
   .: Grappa
   .: Acquavite
   .: Condimenti
   .: Sughi
   .: Marmellate
   .: Olio
   .: Patè
   .: Caffè
   .: Pasticciotto
Idee Regalo
   .: Cesti regalo
   .: Idee regalo
Bomboniere per cerimonie
   .: Ciotole
   .: Magnete
   .: Nina Sposa
   .: Porta uovo

 SEI IN: HOME > LETTURA NEWS O EVENTO
30/06/2011 - Sfida di Petru Lau in viaggio all'inferno
Quotidiano di Puglia

Quando si parla di creatività, niente è impossibile. Se poi le idee arrivano da una inverosimile sinergia tra artisti diversi e di epoche lontane si possono anche stravolgere tutte le regole. Nfiernu di Pietro De Carlo (Lupo Editore) è un bizzarro lavoro editoriale che riprende le poesie dialettali di Giuseppe De Dominicis, il Capitano Black che cantò il Salento fino al 1905 anno in cui morì e le trasforma in un fumetto in rigoroso vernacolo con forme e colori contemporanei. Il famoso Pietru Lau, il personaggio chiave delle liriche di De Dominicis viene tratteggiato dal disegnatore di Galatina ( www.minimoatletico.it) aiutato nel colorare da Filippo Volpi. Tre artisti insieme, dunque, concorrono alla realizzazione di questo lavoro ardito in cui si raccontano storie legate ad un'esperienza ultraterrena di Pietru Lau. Ci sono diavoli che ricordano l'immaginario classico del fumetto, e poi c'è Pietru che sembra uscito da un western, con tanto di baffo e cappello nero in testa,che ne combina di tutti i colori nell'inferno dove viene catapultato dopo la sua morte. Tra colori infernali e amori improbabili, emerge la più classica ironia leccese che De Dominicis incarnò perfettamente, spingendo sui toni dell'amarezza e del disincanto tutto meridionale,ma anche alla ricerca della felicità e della libertà che si può raggiungere solo all'interno di un gruppo. Naturalmente qui le leggi etiche sono quelle del Sud Italia dove la zizzania è femmina, dove se si circuisce e si compromette una donna la si deve sposare e se un maschio (anche diavolo) vede una femmina dotata di belle forme (anche se è Pietru Lau travestito da donna) ci prova. C'è un riassunto finale in italiano per chi non conosce il dialetto stretto che onestamente non è per niente facile da leggere e capire fino in fondo; tuttavia la musicalità, assecondata dalle espressioni dei personaggi del fumetto, rendono più esplicito il racconto e il lato ironico della storia.

Claudia Presicce

 
 
HOME PAGE   |    CHI SIAMO   |    DOVE SIAMO   |    PARTNERS   |    RICETTE   |    RUBRICHE   |    NEWS E EVENTI   |    NEWSLETTER - SMS   |    LINKS   |    CONTATTI
© Arte-gusto.it di Domenico Congedo - Tutti i diritti riservati - Cell. +39 3773159939 - Piazzale Milano, 2, 73100 Lecce (LE)
Realizzazione sito web Smartcom srl - Lecce - foto di Giorgio Corallo