IL TUO CARRELLO
 Articoli inseriti: 0
 Spesa prodotti : 0,00
Visualizza il contenuto del carrello
HOME PAGE   |    CHI SIAMO   |    DOVE SIAMO   |    PARTNERS   |    RICETTE   |    RUBRICHE   |    NEWS E EVENTI   |    NEWSLETTER - SMS   |    LINKS   |    CONTATTI
Cerca prodotto:  
INFO ACQUISTI E PAGAMENTI
   .: Spedizioni
   .: Sicurezza
   .: Pagamenti
AREA UTENTI
PRODOTTI DEL SALENTO
Prodotti tipici - Arte
   .: Caraffe
   .: Tamburelli
   .: Tazze
   .: Oliere
   .: Piatti
   .: Cartapesta
   .: Quadri
Prodotti tipici - Gusto
   .: Vino
   .: Grappa
   .: Acquavite
   .: Condimenti
   .: Sughi
   .: Marmellate
   .: Olio
   .: Patè
   .: Caffè
   .: Pasticciotto
Idee Regalo
   .: Cesti regalo
   .: Idee regalo
Bomboniere per cerimonie
   .: Ciotole
   .: Magnete
   .: Nina Sposa
   .: Porta uovo

 SEI IN: HOME > LETTURA NEWS O EVENTO
30/09/2011 - Uccio, una voce tra cielo e terra, dai campi al palco della Notte della Taranta
Quotidiano di Puglia

Se qualcosa rimane tra i ricordi collettivi di quella periferia contadina, assolata e svincolata dal continente, più vicina all'Africa o ad un immaginario West che all'Europa industrializzata, è grazie a personaggi come Uccio Aloisi. "Vorrei Volare" cantava tra le case basse dell'entroterra salentino e i suoi occhi bagnati guardavano un futuro che via via è arrivato, ma sempre diverso da come lo immaginava. Non c'è rimpianto nel libro con cd a lui dedicato dal titolo "Uccio Alois, il canto della terra". Edizione Kurumuny al prezzo di vendita di 15,00 euro, curato da Luigi Chiriatti e Sergio Torsello. Quello che rimane non è solo una voce registrata che riempie l'aria, né è soltanto quel suo modo di cantare tipico degli anziani cantori bruciati dal sole del Sud, ma quell'orgoglio salentino e la dignità in esubero di chi ha la schiena rotta dalla fatica e se ne vanta, di chi cantando la sua terra ha attraversato tanti mondi, così diversi tra loro, restando sempre se stesso che lo rende icona di una generazione, non solo anagrafica. Non se l'aspettava Uccio, lui che aveva provato tante fatiche nella vita e che cantando, cantando le aveva affrontate (chi non ha paura del lavoro, non teme la fame) diceva, non immaginava che quella sua bella voce che correva fra le campagne, le cave, gli ulivi e le strade di Cutrofiano, potesse diventare un lavoro capace di fargli girare il mondo. Ecco perché vicino a Uccio Aloisi, tutto ha più senso, perché nel suo mondo le donne buttavano davvero l'acqua dal catino nella terra dopo essersi lavate il viso. E il suo cantare "L'acqua Ninella mia nu la menare" non è rievocazione stantia e pleonastica, ma è per lui un gesto quotidiano e normale portato in musica. Ecco lo spessore, il valore aggiunto, che con la scomparsa di Uccio questa musica ha perso per sempre.

 Di Claudia Presicce

Antonio Aloisi, meglio conosciuto come Uccio Aloisi (Cutrofiano, 1 ottobre 1928 - Cutrofiano, 21 ottobre 2010), è stato un cantante e musicista italiano.

Uccio Aloisi è stato un cantore di musica popolare, tra i personaggi più popolari e apprezzati della tradizione musicale salentina della pizzica; è stato ospite di numerose edizioni della Notte della Taranta a Melpignano, nella Grecìa Salentina.

Nato in una famiglia contadina, Uccio Aloisi è stato il fondatore, insieme ad Uccio Bandello ed Uccio Melissano, del gruppo de Li Ucci, storico gruppo salentino custode della tradizione popolari degli "stornelli", canti di lavoro e di amore spesso improvvisati al ritmo del tamburello. La riscoperta per la musica popolare legata al fenomeno della Taranta portarono il gruppo ad esibirsi anche al di fuori dei confini regionali, in Italia e all'Estero.

Unico superstite del gruppo, Aloisi ha dato vita ad un proprio gruppo, gli "Uccio Aloisi Gruppu" con il quale si esibisce in eventi su tutto il territorio nazionale e con il quale ha prodotto diverse raccolte di musica popolare.

Aloisi è stato uno degli ospiti fissi del concerto della Notte della Taranta che gli ha permesso di collaborare anche con artisti di fama internazionale come i Buena Vista Social Club.

Nel 2005 è stato uno dei personaggi principali del film documentario Craj di Davide Marengo.

Uccio Aloisi muore il 21 ottobre 2010, all'età di 82 anni [1].

Indice

[nascondi]

Discografia[modifica]

Uccio Aloisi Gruppu

  • 2006 - "Mara l'acqua" (Ass. Salentini DOC)
  • 2004 - "Robba de smuju" (Ed. Il Manifesto)
  • 2004 - "Robba de smuju tour" (autoprodotto)
  • 2002 - "Pizziche, stornelli e canti salentini" (Novaracne)
  • 2000 - "Musiche e canti popolari del Salento" (aa. vv. Edizioni Aramirè)

Li Ucci

  • 1999 - "Buonasera a quista casa. Pizziche, stornelli e canti salentini" (Edizioni Aramirè)

Filmografia[modifica]

Note[modifica]

  1. ^ «Lecce, Uccio Aloisi,cantore della «pizzica» è morto a 82 anni». La Gazzetta del Mezzogiorno.it, 22 10 2010. URL consultato in data 22-07-2011.

Collegamenti esterni[modifica]

Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Uccio_Aloisi"

 
 
HOME PAGE   |    CHI SIAMO   |    DOVE SIAMO   |    PARTNERS   |    RICETTE   |    RUBRICHE   |    NEWS E EVENTI   |    NEWSLETTER - SMS   |    LINKS   |    CONTATTI
© Arte-gusto.it di Domenico Congedo - Tutti i diritti riservati - Cell. +39 3773159939 - Piazzale Milano, 2, 73100 Lecce (LE)
Realizzazione sito web Smartcom srl - Lecce - foto di Giorgio Corallo